Quali sono i cinque principali tipi di energia rinnovabile?

La consapevolezza sul cambiamento climatico sta plasmando il futuro dell’economia globale in diversi modi. I governi stanno pianificando come ridurre le emissioni , gli investitori stanno esaminando le prestazioni ambientali delle aziende e i consumatori stanno diventando consapevoli delle loro impronte di carbonio. Ma indipendentemente dalle parti interessate, la produzione e il consumo di energia dai combustibili fossili è uno dei maggiori contributori alle emissioni. Pertanto, le fonti di energia rinnovabile non sono mai state così prioritarie come oggi.

Emissioni pro capite delle prime 30 utility statunitensi di proprietà degli investitori

Circa il 25% di tutte le emissioni di gas serra (GHG) degli Stati Uniti proviene dalla produzione di elettricità. Successivamente, ciò significa che le utility di proprietà degli investitori (IOU) avranno un ruolo cruciale da svolgere intorno alle iniziative di riduzione del carbonio. Ciò è particolarmente vero per i primi 30 IOU, da cui quasi il 75% dei clienti delle utility ottiene la propria elettricità. Questa infografica dal Consiglio nazionale dei servizi pubblici classifica i più grandi IOU per emissioni pro capite. Tenendo conto delle diverse basi di clienti che servono, otteniamo uno sguardo più accurato alle loro pratiche di energia verde. Ecco come si allineano.

Il cambiamento dell’occupazione nell’energia pulita, entro il 2030

Con molti paesi e aziende impegnate a ridurre le emissioni, la transizione verso l’energia pulita sembra essere un’inevitabile. E tale transizione avrà senza dubbio un impatto sull’occupazione. Le nuove fonti di energia non richiedono solo apparecchiature nuove e aggiornate, ma richiedono anche che le persone le facciano funzionare. E poiché la domanda di combustibili più puliti distoglie l’attenzione dai combustibili fossili, è probabile che non tutti i settori vedranno un guadagno netto di occupazione. Questo grafico mostra la crescita dell’occupazione globale prevista nel settore dell’energia pulita e nelle aree correlate, nell’ambito degli impegni sul clima annunciati a partire dal 2021, come tracciato dal World Energy Outlook dell’IEA.

Le emissioni globali di CO2 pro capite

Paesi in via di sviluppo come Cina, India e Russia sono alcuni dei maggiori produttori di CO2 in tutto il mondo e lo saranno per un po ‘. Ma la situazione è tutt’altro che semplice e guardare alle emissioni di CO2 pro capite può aggiungere sfumature alla storia complessiva. Sulla base dei dati presentati dal Gruppo Aqal e dall’AIE, qui visualizziamo i paesi e le regioni con le più alte emissioni di carbonio pro capite da tutto il mondo. Immergiamoci nei più alti emettitori di carbonio pro capite e in che modo stanno cercando di ridurre i loro contributi di carbonio.

Sabbia, acciaio e cemento: la produzione annuale degli elementi costitutivi del mondo

Dagli edifici intorno a noi ai marciapiedi su cui camminiamo, sabbia, acciaio e cemento sono una base importante per tutta l’urbanizzazione. Ogni anno, il mondo produce un’immensa quantità di tutti e tre i materiali al fine di fornire la costruzione continua di ambienti costruiti dall’uomo in tutto il mondo. Utilizzando i dati dell’U.S. Geological Survey, questa visualizzazione mostra l’acciaio, la sabbia e il cemento prodotti nel 2020, per aiutare a mettere in prospettiva la quantità di materie prime che produciamo e alla fine consumiamo ogni anno.

Visualizzazione di oltre 50 anni del mix energetico del G20

Negli ultimi 50 anni, il mix energetico dei paesi del G20 è cambiato drasticamente in qualche modo. Con molti paesi e regioni che si sono impegnati ad allontanarsi dai combustibili fossili e a fonti energetiche più pulite, il mix energetico complessivo sta diventando più diversificato. Ma chiudere gli impianti e sostituirli con nuove fonti richiede tempo, e la maggior parte dei paesi dipende ancora incredibilmente dai combustibili fossili. Questo video di James Eagle utilizza i dati della Statistical Review of World Energy di BP per esaminare come è cambiato il mix energetico dei membri del G20 dal 1965 al 2019.

Tendenze storiche delle temperature in superficie mensili globali (1851-2020)

Dal 1880, la temperatura media della superficie terrestre è aumentata di 0,07 ° C (0,13 ° F) ogni decennio. Quel numero da solo può sembrare trascurabile, ma nel tempo si somma. Inoltre, il tasso di variazione della temperatura è cresciuto in modo significativamente più drammatico nel tempo, più che raddoppiando a 0,18 ° C (0,32 ° F) dal 1981. Come risultato di questo processo di riscaldamento globale, le crisi ambientali sono diventate i rischi più importanti del nostro tempo.In questo grafico della temperatura globale, lo scienziato di dati climatici Neil R. Kaye analizza come le temperature medie mensili sono cambiate in quasi 170 anni. I valori di temperatura sono stati confrontati con le medie preindustriali (1850-1900).

Obiettivi carbon neutral per paese

Il tempo per parlare di zero gol netti si sta esaurendo e il tempo per metterli in atto è ben avviato. Al vertice sul clima degli Stati Uniti nell’aprile 2021, il presidente degli Stati Uniti Biden ha fatto pressione sui paesi per accelerare gli impegni neutrali in termini di emissioni di carbonio o impegnarsi in primo luogo nei loro confronti. È il seguito dell’accordo di Parigi, che mantiene i firmatari impegnati a raggiungere la neutralità del carbonio nelle emissioni nella seconda metà del 21 ° secolo. Ma il 2050-2100 è un periodo di tempo ampio, e il cambiamento climatico sta diventando sempre più presente e più terribile. Quando i paesi si sono impegnati a raggiungere zero emissioni nette di carbonio e quanto è serio il loro impegno? Questa infografica del National Public Utility Council mette in evidenza gli impegni neutrali in termini di carbonio al mondo.