La nuova era dell’energia

L’energia è il polso della nostra vita quotidiana, alimentando tutto, dalle nostre case alle nostre auto e ai gadget elettronici. Negli ultimi due decenni, c’è stato un cambiamento continuo nel modo in cui produciamo e consumiamo energia, in gran parte a causa della crescente consapevolezza climatica tra governi e consumatori. L’infografica di cui sopra da Metalli della batteria surge sottolinea la crescente diffusione delle tecnologie energetiche pulite e spiega la necessità delle materie prime che le alimentano. Questa è la seconda parte delle tre infografiche della serie Energy Independence.

Il cambiamento dell’occupazione nell’energia pulita, entro il 2030

Con molti paesi e aziende impegnate a ridurre le emissioni, la transizione verso l’energia pulita sembra essere un’inevitabile. E tale transizione avrà senza dubbio un impatto sull’occupazione. Le nuove fonti di energia non richiedono solo apparecchiature nuove e aggiornate, ma richiedono anche che le persone le facciano funzionare. E poiché la domanda di combustibili più puliti distoglie l’attenzione dai combustibili fossili, è probabile che non tutti i settori vedranno un guadagno netto di occupazione. Questo grafico mostra la crescita dell’occupazione globale prevista nel settore dell’energia pulita e nelle aree correlate, nell’ambito degli impegni sul clima annunciati a partire dal 2021, come tracciato dal World Energy Outlook dell’IEA.

I primi 10 paesi per investimento nella transizione energetica

Più di 130 paesi hanno fissato o stanno prendendo in considerazione un obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050.Raggiungere lo zero netto su scala globale, tuttavia, richiede 125 trilioni di dollari in investimenti climatici entro il 2050, secondo una ricerca commissionata dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).Anche se quel livello di investimento non è stato ancora raggiunto, sta aumentando. Nel 2021, il mondo ha speso 755 miliardi di dollari per l’implementazione di tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio, in crescita del 27% rispetto all’anno precedente. Questo grafico evidenzia i primi 10 paesi per investimenti energetici a basse emissioni di carbonio nel 2021 utilizzando i dati di BloombergNEF.

Produzione di energia nucleare, per Paese

Quasi 450 reattori in tutto il mondo forniscono energia nucleare a varie nazioni, combinando per circa il 10% dell’elettricità mondiale, o circa il 4% del mix energetico globale. Ma mentre alcuni paesi si stanno rivolgendo al nucleare come fonte di energia pulita, la produzione di energia nucleare nel complesso ha visto un rallentamento dal suo picco nel 1990. L’infografica di cui sopra suddivide la produzione di elettricità nucleare per paese nel 2020 utilizzando i dati del Power Reactor Information System(PRIS).

Visualizzazione di oltre 50 anni del mix energetico del G20

Negli ultimi 50 anni, il mix energetico dei paesi del G20 è cambiato drasticamente in qualche modo. Con molti paesi e regioni che si sono impegnati ad allontanarsi dai combustibili fossili e a fonti energetiche più pulite, il mix energetico complessivo sta diventando più diversificato. Ma chiudere gli impianti e sostituirli con nuove fonti richiede tempo, e la maggior parte dei paesi dipende ancora incredibilmente dai combustibili fossili. Questo video di James Eagle utilizza i dati della Statistical Review of World Energy di BP per esaminare come è cambiato il mix energetico dei membri del G20 dal 1965 al 2019.