Voucher connettività: guida per le PMI

Tra gli interventi di attuazione delle politiche collegate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) c’è il cosiddetto “Piano voucher per le imprese”, un decreto che stanzia oltre 600 milioni di euro per favorire la diffusione della banda ultralarga nel Paese. Scopriamo di cosa si tratta in attesa di scoprire i requisiti per richiederlo.

Banda ultralarga, l’Italia al 47mo posto nella classifica mondiale della fibra

Entro il 2026, la percentuale della popolazione mondiale connessa a Internet aumenterà dal 58% al 70%: è quanto stima Omdia nel Global Fiber Development Index che oltre a copertura e penetrazione domestica mappa e classifica tutti gli elementi delle reti in fibra, in particolare l’accesso, il backhaul mobile e la QoS (attualmente misurata dalla velocità media complessiva di downlink e uplink). Il tutto analizzando la situazione in 81 Paesi a livello mondiale.

I 35 veicoli con i cicli di produzione più lunghi

Nel corso degli oltre 100 anni di storia dell’industria automobilistica, aziende come Ford, Chevrolet e Mercedes-Benz hanno prodotto alcune auto davvero iconiche. Che siano progettati per l’eccitazione, il lusso o semplicemente il semplice trasporto, questi veicoli offrono una serie di funzionalità che li rendono altamente desiderabili per i consumatori. I modelli di maggior successo subiranno numerose revisioni nel tempo, a volte rimanendo in giro per molti decenni. Per saperne di più, questo grafico di Alan’s Factory Outlet elenca i 35 veicoli con i cicli di produzione più lunghi di tutti i tempi. Ecco la top 10 qui sotto.

Le più grandi bolle immobiliari del mondo nel 2021

Identificare le bolle immobiliari è un affare complicato. Dopotutto, anche se molti di noi “conoscono una bolla quando la vediamo”, non abbiamo prove tangibili di una bolla fino a quando non scoppia effettivamente. E a quel punto, è troppo tardi. La mappa qui sopra, basata sui dati del Real Estate Bubble Index di UBS, funge da sistema di allerta precoce, valutando 25 città globali e valutandole in base al loro rischio di bolla.

I grandi inquinatori piantano alberi contro la CO2 in cambio di crediti. Perché è un inganno

Il presidente di Cop26 Alok Sharma con le lacrime agli occhi si scusa disperato, il vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans si rivolge alla platea: «Tutti voi avete figli e nipoti, se non mettiamo in atto oggi tutte le strategie per bloccare l’aumento della temperatura, non ci perdoneranno». Alla fine uno degli accordi più significativi è stato lo stop alla deforestazione entro il 2030. La Dichiarazione firmata da 110 nazioni potrà contare su un investimento di 19,2 miliardi di dollari: 12 saranno fondi pubblici, 7,2 privati. Ma intanto per altri nove anni si potrà continuare a disboscare, mentre per i grandi inquinatori la «soluzione» è stata trovata da tempo: compensare il proprio inquinamento piantando alberi, finanziando impianti a energia rinnovabile o acquistando sul mercato certificati di crediti di carbonio emessi da organismi internazionali che serviranno a bilanciare le emissioni di CO2 emesse ogni anno.

Aziende di auto elettriche: la corsa per il dominio dei veicoli elettrici

Tesla ha regnato sovrana tra le aziende di auto elettriche, sin da quando ha rilasciato per la prima volta la Roadster nel 2008. La società con sede in California guidata da Elon Musk ha chiuso il 2020 con il 23% del mercato EV e recentemente è diventata la prima casa automobilistica a raggiungere una capitalizzazione di mercato di $ 1 trilione. Tuttavia, concorrenti come Volkswagen sperano di accelerare i propri sforzi EV per sedare la società di Musk come produttore dominante. Questo grafico basato sui dati di EV Volumes confronta le posizioni odierne di Tesla e di altre case automobilistiche di alto livello, da una prospettiva completamente elettrica, e fornisce proiezioni di quote di mercato per il 2025.

Addio a Facebook: perché le aziende cambiano nome

Come sa chiunque abbia avviato un’azienda, scegliere un nome non è un compito facile. Ci sono molte considerazioni, come ad esempio: Sono disponibili gli handle social e il nome di dominio? C’è un concorrente che utilizza già un nome simile?Le persone possono scrivere, pronunciare e ricordare il nome? Ci sono interpretazioni culturali o simboliche che potrebbero essere problematiche? L’elenco potrebbe continuare. Queste considerazioni sono amplificate quando un’azienda è già stabilita e ancora più difficili quando la tua azienda serve miliardi di utenti in tutto il mondo.

Ecco cosa succede ogni minuto su Internet nel 2020

Nel 2020, si sta verificando una quantità insondabile di attività digitale in un dato momento. Questa continua esplosione di attività rappresenta oggi la produzione aggregata di 4,5 miliardi di utenti Internet, un numero destinato ad aumentare ulteriormente nei prossimi anni. Questa potente immagine di Domo aiuta a catturare ciò che accade ogni minuto nell’odierna era di Internet iperconnessa, ed è in realtà l’ottava edizione prodotta dall’anno 2012.Cosa possiamo imparare dall’evoluzione di ciò che accade in un minuto di Internet?

Le velocità Internet più elevate (e lente) al mondo

Quanto velocemente si è caricata questa pagina per te? La risposta dipende dal dispositivo che stai utilizzando e da dove ti trovi nel mondo. Le velocità medie di Internet variano notevolmente da paese a paese. Quali paesi hanno la connessione Internet più veloce? Utilizzando i dati dello Speedtest Global Index™ , questa mappa classifica le velocità Internet più elevate (e più lente) in tutto il mondo, confrontando sia la banda larga fissa che quella mobile.