Da Amazon a Zoom: cosa succede in un minuto di Internet nel 2021?

Nella nostra vita di tutti i giorni, non può succedere molto in un minuto. Ma quando si misura la profondità dell’attività su Internet che si verifica tutta in una volta, può essere straordinario. Oggi, circa cinque miliardi di utenti Internet esistono in tutto il mondo. Questa infografica annuale da Domo · cattura la quantità di attività in corso in un dato minuto e la quantità di dati generati dagli utenti. Per usare un eufemismo, c’è molto.

Una guida visiva agli Stati membri dell’Europa

Con il recente tentativo dell’Ucraina di aderire all’Unione europea (UE), lo status attuale degli Stati membri dell’Europa è tornato nella mischia. Gli Stati membri europei sono paesi principalmente in Europa, e tre al di fuori, che fanno parte di uno o più dei quattro principali gruppi di trattati, vale a dire l’Unione europea (UE), la NATO, Schengen e l’eurozona. Ognuna di queste istituzioni governa un aspetto diverso delle infrastrutture della regione. Diamo un’occhiata a ciascuno di essi.

La dipendenza energetica dell’UE

In risposta all’invasione russa dell’Ucraina del 2022, gli Stati Uniti e l’UE hanno imposto pesanti sanzioni volto a paralizzare l’economia russa. Tuttavia, queste azioni coraggiose comportano anche alcune complicazioni potenzialmente disordinate: la Russia non è solo uno dei maggiori esportatori mondiali di prodotti energetici, ma è anche il più grande fornitore europeo di questi combustibili. A partire da ottobre 2021, la Russia ha fornito il 25% di tutto il petrolio importato dall’UE, che è tre volte più del secondo partner commerciale. Naturalmente, le politiche e le circostanze che hanno portato a questa dipendenza sono state sottoposte a un esame approfondito nelle ultime settimane.

Quali paesi hanno il maggior numero di armi nucleari?

In teoria, le scorte di armi nucleari sono strettamente custodite nei segreti nazionali. I paesi leader hanno stime approssimative che non vengono regolarmente aggiornate, i nuovi paesi nucleari mantengono le loro capacità vaghe e poco chiare e Israele non ha mai confermato ufficialmente un programma di armi nucleari. Ma grazie a divulgazioni, registrazioni e fughe di notizie limitate, possiamo visualizzare l’intera portata dell’arsenale nucleare mondiale. Questo grafico utilizza gli inventari stimati delle testate nucleari dal Federazione degli scienziati americani a partire da agosto 2021. Sulla base di queste stime, ci sono solo nove paesi con armi nucleari nel mondo.

Tutto il personale militare del mondo

Mentre gran parte del mondo vive in uno dei periodi più pacifici della storia, la scintilla di nuovi conflitti come l’invasione russa dell’Ucraina ci ricorda l’importanza del personale militare. Tra i conflitti armati in corso e la costruzione preventiva delle difese, molti paesi hanno accumulato militari significativi fino ad oggi. Questa mappa, utilizzando i dati di Revisione della popolazione mondiale, mostra tutto il personale militare del mondo.

Il cambiamento dell’occupazione nell’energia pulita, entro il 2030

Con molti paesi e aziende impegnate a ridurre le emissioni, la transizione verso l’energia pulita sembra essere un’inevitabile. E tale transizione avrà senza dubbio un impatto sull’occupazione. Le nuove fonti di energia non richiedono solo apparecchiature nuove e aggiornate, ma richiedono anche che le persone le facciano funzionare. E poiché la domanda di combustibili più puliti distoglie l’attenzione dai combustibili fossili, è probabile che non tutti i settori vedranno un guadagno netto di occupazione. Questo grafico mostra la crescita dell’occupazione globale prevista nel settore dell’energia pulita e nelle aree correlate, nell’ambito degli impegni sul clima annunciati a partire dal 2021, come tracciato dal World Energy Outlook dell’IEA.

Come è cambiata la mappa europea in 2.400 anni

La storia dell’Europa è incredibilmente complessa. Mentre ci sono rare eccezioni come Andorra e Portogallo, che hanno avuto notevolmente bordi statici per centinaia di anni, la giurisdizione su porzioni della massa continentale è passata di mano innumerevoli volte. Il video di oggi ci arriva dal canale YouTube Cottereau, e mostra l’evoluzione dei confini delle mappe europee a partire dal 400 aC. Gli imperi salgono e scendono, le invasioni si diffondono in tutto il continente e i paesi moderni iniziano lentamente a prendere forma (con l’ulteriore vantaggio di uno strumentale estremamente drammatico).

I principali partner commerciali e prodotti dell’Ucraina

Il commercio internazionale era pari al 65% del PIL dell’Ucraina nel 2020, per un totale di 102,9 miliardi di dollari di merci scambiate con paesi di tutto il mondo. Nel 2014, l’annessione della Crimea da parte della Russia ha contribuito a un calo del 30% anno su anno del valore commerciale dell’Ucraina nel 2015 ($ 75,6 miliardi). Ora, il commercio internazionale dell’Ucraina è stato irreversibilmente interrotto dall’invasione su vasta scala della Russia il 24 febbraio 2022. L’attuale conflitto continua a rimodellare le relazioni geopolitiche e il commercio internazionale e per dare un contesto alla situazione, abbiamo creato questo grafico utilizzando i dati del FMI e di UN Comtrade per mostrare i maggiori partner commerciali e le merci scambiate dell’Ucraina nel 2020.

Questo è quanto i paesi della NATO spendono per la difesa

L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) esiste al solo scopo di facilitare un’alleanza politica e militare tra quasi 30 paesi. Tutti sono obbligati l’uno all’altro in tempo di guerra, ma alcuni paesi hanno militari e sistemi di difesa molto più forti di altri. Utilizzando i dati della NATO, questa mappa rivela ciò che ogni paese membro della NATO spende per la propria difesa nazionale.

I 50 minerali fondamentali per la sicurezza degli Stati Uniti

Gli Stati Uniti mirano a dimezzare le loro emissioni di gas serra entro il 2030 come parte del loro impegno ad affrontare i cambiamenti climatici, ma potrebbero mancare i minerali critici necessari per raggiungere i loro obiettivi. L’economia verde americana si baserà su fonti di energia rinnovabile come l’eolico e il solare, insieme all’elettrificazione dei trasporti. Tuttavia, manca la produzione locale delle materie prime necessarie per produrre queste tecnologie, tra cui pannelli solari, turbine eoliche e veicoli elettrici. Comprensibilmente, questo ha sollevato preoccupazioni a Washington. In questo grafico, basato sui dati dell’US Geological Survey, elenchiamo tutti i minerali che il governo ha ritenuto critici per la sicurezza economica e nazionale degli Stati Uniti.